Bilanciamento del bianco – White balance



Se pensi che questo articolo possa essere utile, Clicca Qui Sotto.

Sulla nostra macchina fotografica troveremo la dicitura  “WB” o “White Balance”  sta per “Bilanciamento del bianco“.

Premetto che la luce può essere classificata sia per luminosità, quindi intensità di luce, sia in base alla temperatura colore.

Ricordo che questa distinzione avviene per similitudine, cioè il colore rosso o giallo ci ricorderà la luce calda e il colore bianco o azzurro la luce fredda. come unità di misura utilizziamo i gradi Kelvin che variano da 1800K per il rosso a 16000K per l’azzurro.

bianco



Se questo articolo ti è piaciuto e pensi che possa essere utile, Clicca Qui Sotto.

Un altro problema che si riscontra nella fotografia notturna è costituito dal bilanciamento del bianco. A differenza di quello che oggi può avvenire tramite le impostazioni della nostra reflex, con la pellicola si hanno alcune difficoltà nella taratura della luce artificiale.

Per evitare problemi di dominanti di colore poco piacevole si utilizza la pellicola tarata per luce naturale pur esistendo diverse tarature della luce.

L’occhio umano si adatta automaticamente ai cambiamenti nella temperatura della luce, a meno di casi estremi. Quindi, un foglio bianco sembra sempre bianco, indipendentemente dal fatto che lo si osservi all’aperto oppure sotto una lampadina a incandescenza.

Generalmente, sulla vostra reflex i valori di bilanciamento del bianco disponibili sono i seguenti:

  • automatico: la macchina fotografica calcola in maniera completamente automatica la temperatura di colore, nelle fotocamere odierne è molto affidabile in buona parte delle situazioni;
  • incandescenza: si usa quando il locale in cui ci troviamo è illuminato da lampadine a incandescenza, quindi serve a raffreddare un po’ la temperatura di colore;
  • fluorescenza: si usa in presenza di un’illuminazione “tipo neon”, quindi serve a riscaldare un po’ la temperatura di colore;
  • luce solare: si usa nella parte centrale della giornata, per foto all’aperto, quando il Sole non è coperto da nuvole;
  • flash: si usa ovviamente quando viene impiegato flash;
  • nuvoloso: si usa quando si fanno foto all’aperto, durante il giorno, e il cielo è coperto;
  • ombra: si usa quando si fotografano, durante il giorno, soggetti che si trovano all’aperto ma all’ombra, mentre il Sole non è coperto da nuvole;
  • misurazione manuale: si usa quando, impiegando i valori precedenti, non si ottengono risultati soddisfacenti, oppure si vuole avere il pieno controllo sul bilanciamento del bianco (ne parliamo in profondità nella prossima sezione).

mdemdebianco

Non tutti i valori appena elencati sono presenti in tutte le macchine fotografiche, ma la lista serve a dare una panoramica completa.

Nel digitale vi consiglio di lasciare le  impostazioni sul bianco automatico (AWB), questo è un automatismo che possiamo utilizzare in quanto le reflex riescono ad avvicinarsi molto a quello che è la realtà  e se volessimo modificare  una dominante calda o fredda possiamo effettuarlo in post produzione.



Se questo articolo ti è piaciuto e pensi che possa essere utile, Clicca Qui Sotto.

Comments