Il fotografo che scattò la foto “ragazza Napalm” ritorna in Vietnam con l’iPhone


TRANG BANG, Vietnam – Se ne sta nella corsia in direzione nord della Highway 1 del Vietnam, il traffico vorticoso attorno a lui, clacson.

Egli sta indicando. Proprio lì, egli dice – è lì che è successo. Ecco dove sono apparsi i bambini urlanti. Ecco dove ho fatto la foto che il mondo non poteva dimenticare.

 il fotografo vincitore Nick Ut è fotografato nei pressi del luogo ha scattato la sua iconica foto ‘Napalm Girl’ 43 anni fa il Lunedi, 8 giugno, 2015 a Vietnam.

Vietnam

Huynh Cong “Nick” Ut aveva 21 anni quel giorno, quando si trovava sulla stessa strada, ha la sua macchina fotografica  e ha catturato una delle immagini più famose della storia – una ragazza vietnamita nuda che urla  e in fuga dopo gli aerei Sud Vietnamiti alla ricerca dei vietcong insorti ha attaccato con il napalm dal cielo.

Lunedi ‘, 43 anni dopo quel giorno, Ut è tornato a documentare alcuni dei suoi ricordi della guerra del Vietnam con un utensile da un’epoca completamente diversa – un iPhone 5 equipaggiato con la possibilità di inviare le foto al mondo in un batter d’occhio digitale.

“Ero qui a guardare le bombe scendere,” Ut ha raccontato di quei momenti a lungo,  poco prima ha esposto un quadro di Kodak Tri-X pellicola in bianco e nero che portava la somiglianza di 9 anni, Kim Phuc, il suo corpo gravemente ustionato.

“Ero così giovane allora,” ha detto per lungo tempo all’Associated Press fotografo.

UT 8 giugno 1972, immagine di Kim Phuc, ora conosciuta come la “Napalm ragazza,” ha contribuito a cristallizzare il dibattito delll’America che aveva avuto per più di mezzo decennio di una guerra lontana così letale per tanti. Ma l’immagine ha iniziato il suo lavoro di persuasione sulle pagine dei giornali molto tempo più tardi, non nel modo istantaneo che vediamo oggi.

Così, quando era tornato al villaggio di Trang Bang il Lunedi, egli era equipaggiato con qualcosa di più di appropriato: Ha portato il suo iPhone con lui ed è stato dato in custodia l’account di  Instagram AP Images per la giornata.

Vietnam

Pulitzer winning photographer Nick Ut gestures while talking with media at the place where he took his iconic ‘Napalm girl’ photo 43 years ago on Monday, June 8, 2015 in Trang Bang, Vietnam. Ut returned Monday to the location of his iconic photo with a tool from an entirely different era, a 4-ounce iPhone 5 equipped with the ability to send photos to the world in the blink of a digital eye. (AP Photo/Na Son Nguyen).

Questo gli ha dato il potere di caricare, istantaneamente, le immagini che durante la guerra avrebbe impiegato ore per inviarle  a 25 miglia a sud degli uffici AP a Saigon, poi il prima e il dopo dello sviluppo del film prima che una stampa possa essere diramata al mondo.

Seduto in un furgone diretto a Trang Bang, aveva, una Leica digitale intorno al collo, ha fatto un paio di scatti di pratica con l’iPhone. Mentre si dirigeva a nord di Ho Chi Minh City, ex Saigon, lo scenario rivela le strade Highway 1 cambiata dopo la guerra. Oggi attrazioni lungo la strada di un ristorante chiamato “sushi World” e un venditore di strada Hawking una statua in scala ridotta della Libertà.

Poi, mentre il furgone ha attraversato un ponte, Ut ha annunciato l’arrivo presso il sito della famosa immagine: “Proprio qui! Giusto qui!”
Premette il telefono contro il parabrezza per fotografare la strada, poi proseguì con l’immagine del tempio dove Kim Phuc e la sua famiglia si rifugiarono prima dei bombardamenti.
Ha fatto questo viaggio spesso – di solito almeno una volta l’anno ultimamente, racconta. Per lui è significativo. Lui e l’immagine – e, per estensione, il paese – sono sempre legato.

Immaginate che cosa sarebbe successo nel 1972 se si avesse avuto tutta la tecnologia e sistemi del 2015.
In Trang Bang, aveva visitato una bancarella di strada gestito da due cugini di Kim Phuc, poi andò a un chilometro lungo la strada  dove ha fatto la famosa immagine. Lì, si trovò di fronte un branco di fotografi. 

La scena che si svolse era  curiosa: Ut stava scattando le foto, scattava le foto delle sue proprie immagini, le persone scattavano foto di Ut che scattava le foto. Con il tempo è avvolto, non era chiaro se sono state scattate più immagini a Nick o quelle scattate a lui.

aveva finito la pubblicazione di sei immagini di Trang Bang su Instagram, tra cui uno di Ho Van Bon, 54 anni, cugino di Kim Phuc e il ragazzo alla sua sinistra nella foto del 1972. Oggi, seduto al bordo della strada del chiosco, dice la condivisione di foto istantanea può essere una forza potente quando le cose vanno così male.

“Se questo dovesse accadere in questo momento … è molto meglio per il mondo con queste reti sociali di avere l’attenzione immediata per qualcosa”, ha detto attraverso un interprete. “Questo rende il mondo un posto migliore.”

Non sarebbe solo aveva caricando, però. La sua foto, potente come è, avrebbe avuto competere  per i bulbi oculari del mondo.

“Immaginate cosa sarebbe stato come nel 1972 se si avrebbe avuto la tecnologia e i sistemi del 2015”, dice David Campbell, un esperto di narrazione visiva e insegnante a Newcastle, in Inghilterra.

“Alcune di queste persone in fuga dall’attacco al napalm avrebbero avuto i propri smartphone. Alcuni soldati avrebbero avuto gli smartphone “, dice Campbell. “Nel 1972, si sarebbe riuscito a vedere accuratamente, una selezione e cura di immagini che sarebbero stati casi molto più isolati all’epoca. Ora si dovrebbe vedere con  maggiore frequenza, maggiore scala di tempo e una visione molto più ampia “.

Il  AP fotografo fratello Huynh Thanh My è stato ucciso nella guerra del Vietnam nel 1965, sospetta che il conflitto avrebbe giocato in modo molto diverso per le persone dietro gli Stati Uniti – e dei loro responsabili politici – se la condivisione di foto istantanea già esisteva allora. Racconta che prima ancora aveva ottenuto il suo film torna a Saigon, “sarebbe stato su Facebook.”

“Mio Dio. Oggi in Vietnam tutti hanno un telefono “. “Un paio d’ore,  era troppo lungo. Ora due minuti si raggiunge il mondo. Non l’avrei potuto immaginare. “

Ted Anthony, The Associated Press | June 8, 2015 12:10 PM ET

Comments