Inquadrature e obiettivi per il ritratto – The portrait, frames and lenses


Quando parliamo di ritratto non ci riferiamo solo all’immagine del volto, ma dobbiamo capire quali parti devono essere all’interno dell’inquadratura. A seconda dell’inquadratura andremo a scegliere i diversi obiettivi che ci aiuteranno ad avere il miglior risultato.

Inquadrature e piani

inquadrature

In alcune occasioni ci potrà capitare di prendere una decisione, che tipo di inquadratura voglio utilizzare? Quali sono le linee guida per ottenere un tipo di inquadratura?

Figura Intera: Come dice la parola stessa, il soggetto deve apparire interamente nell’immagine, senza tagliare mani o piedi. Dobbiamo calibrare bene lo spazio interno il soggetto in particolare sopra e sotto. Non dovrà apparire rigido quindi cercate di metterlo a proprio agio.

per la figura intera sconsiglio di utilizzare un tele a  meno che non ci si posizioni a grande distanza dal soggetto. Più adatto sarà un grandangolo, o un obiettivo tra 24 e 50 mm. Ricordo di fare attenzione sempre a dove posizioniamo i soggetti, con il grandangolo andremo a distorcere le prospettive.

Piano americano: il soggetto sarà ripreso dal ginocchio in su. Non stringete troppo potreste tagliare le mani. 

 

 

Per questo taglio possiamo utilizzare il 50 mm  che è l’ottica che si avvicina alla visione dell’occhio umano. Oppure se gli spazi lo permettono, anche un obiettivo da 80a 135 mm. Ricordo che la scelta di un medio tele ci aiuterà a creare lo sfocato dietro il soggetto per concentrare  l’attenzione su di esso. 

Mezza figura: e un taglio che riprende il soggetto dalla vita in su, anche qui se il soggetto ha le mani verso il basso rischiamo di tagliarle dall’inquadratura. Potete mettere il soggetto con le braccia conserte o dietro la schiena, oppure dare personalità all’immagine dando un oggetto in mano. Una donna può avere un fiore, un docente  può avere un libro tra le mani, un paio di occhiali, un pittore un pennello ecc.

Anche per la mezza figura l’obiettivo più utilizzato può essere un medio tele.

Primo piano: il soggetto viene ripreso dalle spalle in su lasciando uno spazio equilibrato al di sopra della testa. 

Rimangono invariati gli obiettivi, se il soggetto è vicino a noi. Possiamo fotografare il soggetto anche ad una distanza maggiore, senza che il soggetto non se ne accorga otterremo una maggiore naturalezza.

Primissimo piano: il taglio del volto avviene da sotto il mento fino alla fronte, senza lasciare spazio intorno al soggetto.


Se pensi che questo articolo possa essere utile, Clicca Qui Sotto.

 

Comments