I filtri essenziali in fotografia – The essential filters in photography


Il filtro è un accessorio di vetro, di resina sintetica o ancora di acetato o gelatina  che può essere inserito nel percorso ottico. Il filtro può essere di forma quadrata o rettangolare  montato in un accessorio di supporto, la sua particolarità consiste nel fatto che grazie all’adozione di anelli adattatori un’unica montatura si adatta a obiettivi di diversi diametri. Può essere anche di forma rotonda, un disco di vetro o di plastica in un telaio metallico o in un anello di plastica, che può essere avvitato nella parte anteriore o agganciato sulla lente della fotocamera. I filtri modificano le immagini che registriamo. A volte sono usati per fare solo piccole modifiche alle immagini. Altre volte l’immagine semplicemente non sarebbe possibile senza di loro.filtri

Esistono diversi utilizzi dei filtri, in passato v
enivano usati per ottenere effetti speciali come spezzare le immagini, moltiplicarle, o che simulavano nubi e arcobaleni. Oggi però non ci interessano più questi filtri, in quanto non sono la rappresentazione della realtà in forma creativa. I filtri di cui andremo a parlare saranno solo quelli che ci aiuteranno a migliorare la qualità della immagine.filtri

Tipi di Filtri Ottici:

Filtro Bianco e nero o filtri colorati sono indispensabili nella fotografia in bianco e nero, per differenziare i toni di grigio.

Filtro Polarizzatore minimizza i riflessi riducendo l’abbagliamento e cambiando la tonalità del corpo d’acqua.

Filtro di protezione: UV e skylight la luce ultravioletta è invisibile all’occhio umano, ma un filtro UV può accedere a questa luce, che eliminerà alcune nebulosità.

Filtro digradanti  è usato soprattutto da chi si dedica alla fotografia dei paesaggi, poiché consente di eliminare le differenze di illuminazione tra le varie parti che compongono la scena

Filtro per ritratti filtri ” soft ” o ” diffusori ” per togliere incisione e rendere il tutto più ” morbido”

Filtro neutral density per diminuire la luce che va al sensore di luce quando si scattano foto con una bassa velocità dell’otturatore.

I filtri di cui abbiamo appena accennato possiamo elaborarli anche in  post produzione con software come Lightroom o Photoshop. Prima di arrivare a questo come ogni cosa dobbiamo capire come funzionano ognuno di loro cercherò di spiegarvi come reagiscono sulla pellicola o sul sensore. Naturalmente applicare un filtro sulla lente invece di utilizzarlo in post produzione ci permetterà di ottenere una qualità migliore dell’immagine.

Se pensi che questo articolo possa essere utile, Clicca Qui Sotto.

 
Comments